Pagine

Votaci!

classifica

mercoledì 26 settembre 2012

Crescentine fritte o gnocco - Emilia Romagna

Ricetta del delizioso gnocco fritto bolognese, (ricetta tipica emiliana!) alimento di origine longobarda molto diffuso in tutto il territorio emiliano con nomi diversi.
Lo gnocco fritto è una pietanza squisita, molto diffusa nel bolognese ed in tutta l'Emilia.
In alcune aree della provincia del capoluogo emiliano esso viene anche denominato crescentine.
Il gnocco e' piu' modenese o montanaro.
Tradizionalmente, lo gnocco fritto veniva cucinato nello strutto; le attuali norme di sicurezza nei locali pubblici impongono invece la frittura in oli diversi tra i quali quello di semi, in quanto lo strutto richiede temperature molto alte.
A Bologna, lo gnocco fritto viene consumato ripieno di affettati o formaggi, mentre quelli rimasti vuoti del giorno precedente vengono tenuti per colazione, assieme al cappuccino. Qui di seguito, riporto la ricetta bolognese delle crescentine fritte o gnocco:

Ingredienti:
250 grammi di farina 00
1 bustina di lievito istantaneo possibilmente San Gennaro
un pizzico di sale
latte q.b. o birra a piacere.

Unire gli ingredienti ed impastarli. Aggiungere il latte/birra quanto basta per ottenere un impasto morbido e sodo. Una volta lasciato riposare per qualche minuto, stendete il composto su un tagliere fino ad ottenere una sfoglia spessa qualche millimetro. Tagliate poi la pasta a forma di rombi con lati all'incirca di 10 centimetri. Friggete i rombi in olio di semi possibilmente di arachidi, precedentemente riscaldato: essi si gonfieranno acquisendo una vera e propria pancia e diventando di colore dorato. Toglieteli dal fuoco ed asciugateli con carta assorbente. Servite con affettati, salse e squacquerone.
Saranno come le ciliegie una tira l'altro... buon appetito.

Nessun commento: