venerdì 29 marzo 2013

Il budino fiordilatte bolognese

 




Ingredienti per uno stampo da budino da 20 cm di diametro:
1 litro di latte intero
350 g di zucchero semolato
6 tuorli
2 uova intere
1 stecca di vaniglia

per caramellare lo stampo e per aggiungerne un po' nel latte
8 cucchiai di zucchero semolato
4 cucchiai di acqua

 Procedimento:
In una casseruola mettete il latte, 250 g di zucchero,  la stecca di vaniglia (che avrete inciso longitudinalmente con un coltello appuntito). 
Fate bollire il tutto, mescolando frequentemente con un cucchiaio di legno affinche' non si attacchi in fondo al tegame di bollitura, aggiungere tre o quattro cucchiai di *caramello (zucchero caramellato)  e far bollire fino a quando il volume si sarà ridotto di un terzo ed il latte avrà assunto una colorazione più scura. 
Fate raffreddare completamente il latte e filtratelo con un colino a maglie fitte per eliminare le parti solide.

*Preparate il caramello per lo stampo: in una seconda casseruola dal fondo pesante mettete lo zucchero e l’acqua, ripartendola con attenzione in modo da bagnare tutto lo zucchero. Fate fondere il tutto preferibilmente senza utilizzare alcuno strumento (spatole o cucchiai di legno) per evitare di cambiare la temperatura del caramello. 
Tenete sempre d’occhio il caramello perché brucia molto rapidamente e, non appena questo inizia a fumare ed assume un bel colore ambrato (non troppo scuro altrimenti risulterà amaro) spegnete la fiamma e versate il tutto all’interno dello stampo, cercando di distribuire uniformemente il caramello.
Fate roteare lo stampo dove poi metterete il comnposto di latte ed uova per la cottura ,per distribuire il caramello in maniera omogenea.
In una ciotola capiente lavorate i  6 tuorli e le due uova  con lo zucchero con la frusta elettrica fino ad ottenere una bella crema densa 
Unite il latte, amalgamatelo al composto a velocità ridotta.
Versate il tutto nello stampo prescelto dove avrete gia' messo il caramello, (possibilmente da budino, scanalato, con foro centrale e a pareti alte) facendo passare il composto nuovamente da un colino a maglie fitte.
Mettete lo stampo all’interno di una teglia contenente acqua calda (ricordate che l’acqua dovrà arrivare a coprire poco più della metà dello stampo) e fate cuocere nel forno già caldo a 140° per circa 2 ore e mezza. 
 Il fiordilatte sarà comunque cotto quando la superficie si sarà rappresa, ma la parte sottostante sarà ancora morbida, e uno stecchino uscirà asciutto. 
Sfornate e lasciate raffreddare completamente, quindi trasferite il budino nel frigorifero dove dovrà restare per almeno 4-5 ore.
Al momento di servire appoggiate sullo stampo il piatto da portata, rovesciate il tutto e lasciate che il dolce si stacchi da solo, quindi servite.

mercoledì 27 marzo 2013

Strudel di Primavera






E' arrivata la primavera ... !? e allora cominciamo a preparare ricettine un po' adatte alla stagione...
Vi posto questa alternativa allo srudel tradizionale che , a mio avvviso, dovrebbe risultare
molto gradevole.
Facile da preparare molto morbido e gustoso.


Ingredienti


Per la pasta

  • 1 uovo
  • 300 gr d farina
  • 3 cucchiai di olio di semi di girasole
  • 60 gr di zucchero
  • scorza di limone grattugiata

Per la farcitura

  • 2 tuorli
  • 250 gr di fragole
  • 300 ml di latte di riso
  • 80 gr di farina
  • 60 gr di zucchero + 2 cucchiai
  • scorza di limone

Per la finitura

  • 1 tuorlo
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1cucchiaino di succo di limone
  • zucchero di canna
 Procedimento:

Per la pasta sbattere in un ampia ciotola l’uovo con lo zucchero. Profumarla con la scorza di limone ed unire gradatamente la farina mescolando con un cucchiaio. Trasferirla su un piano di lavoro e lavorarla manualmente fino ad ottenere una pasta morbida. Formare una palla e porla in frigorifero per 30 minuti
Portare ad ebollizione il latte di riso con la scorza del limone a pezzetti, spegnete e lasciate in infusione per 10 minuti.     Con una frusta sbattere i tuorli con lo zucchero,unire i 60 gr di farina setacciata e versarvi sopra il latte filtrato. amalgamare bene, rimettere il composto nella casseruola e far addensare a fuoco dolce fino ad ottenere una crema densa. Versarla in un recipiente freddo e lasciarla raffreddare.


Stendere sottilmente la pasta con il mattarello in un rettangolo. Spolverizzare con poco pangrattato e distribuire uniformemente la crema lasciando liberi i bordi esterni per 4 centimetri.
Ricoprire con le fragole e cospargere con poco pangrattato.
Ripiegare i lembi del lato corto della pasta verso l’interno e successivamente i lati lunghi al centro saldandoli con una lieve pressione.
Sbattere rapidamente il tuorlo per la finitura con il succo di limone e i due cucchiai di zucchero e spennellare uniformemente tutta la superficie dello strudel. Spolverizzare con pochissimo zucchero di canna, trasferire il dolce in una teglia e cuocere in forno a 170 gradi per 25/30 minuti. Lasciarlo raffreddare e cospargere di zucchero a velo



 Si puo' provate a variare il ripieno sostituendo le fragole con le ciliegie...

lunedì 25 marzo 2013

Torta salata con speck e cipolle

 




Questa torta salata e' facile  molto gustosa e piace quasi a tutti provatela e poi mi direte...


Ingredienti

200 gr di pasta sfoglia
400 gr di cipolle affettte
1 cucchiao di burro
80 gr di speck a striscioline
1 cucchiaio di erba cipollina tritata
80 ml di latte
80 ml di panna
2 uova
1 cucchiaio di grana grattuggiato
pepe
sale
burro per imburrare la tortiera

Preparazione

Fate appassire le cipolle in una padella con il burro. Aggiungetevi le striscioline di speck e fate rosolare bene il tuttoe condite con l'erba cipollina, il sale e il pepe.
Nel frattempo riscaldate il forno a 180 gradi. Amalgamate il latte,, la panna, le uova e il parmigiano in una ciotola.
Stendete la soglia con ilmattarello, imburrate la tortiera e stendetevi allìinterno la sfoglia. Disribuitevi sopra il ripieno di speck e cipolle e copritelo con il composto di latte e uova.
Mettete nel forno preriscaldato a 180 gradi per circa 20 minuti. Fatela riposare qulache minuto prima di servirla.

Frittata di asparagi

frittata-asparagi




La frittata non e' una ricetta che rientra nei manuali di alta cucina comunque , e' 
un secondo od antipasto gustoso che si accosta a tanti tipi di verdura vi propongo questa
agli asparagi ...

Ingredienti :

per 4 persone: 
240 g di punte di  asparagi
6     uova
30   gr. di parmigiano r.
sale | pepe | olio extravergine d’oliva

Procedimento:

Sbattete le uova con il sale e  il pepe.
Oliate una padella, mettetela sul fuoco e versateci le  uova
Mescolate bene in modo da formare una frittata molto morbida.
Ponete al centro le punte d’asparagi precedentemente lessate e passati in padella con poco burro ed una manciatina di parmigiano- continuate la cottura fino a che la frittata non diventi dorata.
Piegatela in due e servite.

giovedì 21 marzo 2013

Crostata di crema ed amarene





Si sta avvicinando la  Pasqua quindi i preparaivi dei dolci tipici primaverili ...
Questa e' una ricetta di un dolce tipico napoletano che si prepara  per la pasqua quindi, ve la voglio proporre perche' e' di facile preparazione e di buonissimo risultato.

Ingredienti pasta frolla

300    gr.  di farina
2        uova
100    gr, di zucchero
100    gr, di burro
1        bustina fdi vanillina
1        cucchiaino di bicarbonato

Ingredienti  per la crema :

4        uova
100    gr. zucchero
50      gr, farina
400    gr. latte
100    gr, di amarene sciroppate
          zucchero a  velo

Come fare la Crostata di crema e amarene

Disponete la farina e lo zucchero a fontana su un  ripiano o in un’ampia ciotola e mettetevi nel mezzo il burro ammorbidito, le uova, la vanillina e un cucchiaino di bicarbonato.
 Amalgamate velocemente gli ingredienti con la punta delle dita, incorporando la farina dai lati verso l’interno
Con l’impasto formate una palla e lasciatela, avvolgetela nella pellicola e lasciatela riposare per 1/2 ora in frigo.


Nel frattempo preparate la crema pasticcera
Mettete in una casseruola dal fondo spesso i tuorli con lo zucchero  e mescolate bene.
Aggiungete la farina e mescolate fino ad avere un composto liscio e senza grumi.Versate quindi sopra il latte a filo, sempre mescolando.
 Posate la casseruola sul fornello a fiamma bassissima e mescolando in continuazione.

Una volta arrivati al punto  di ebollizione, togliere la crema dal fuoco.
Aggiungete alla crema pasticcera 2 cucchiai di sciroppo di amarene e lasciatela raffreddare, mescolando ogni tanto affinchè non si indurisca in superficie.

Una volta trascorso il tempo di riposo, riprendere la pasta frolla e stendeteta su un piano infarinato. Imburrate uno stampo perc crostate da 24 cm e adagiate lo strato di pasta frolla.

Versate sopra la frolla la crema pasticcera.
Tagliate delle strisce dalla pasta  rimasta ed intrecciatele sulla crema. Ripiegate leggermente i bordi esterni dell’impasto verso l’interno.

Aggiungere ora le amarene con un pò del loro succo su ogni rombo. In alternativa potete versare prima le amarene con un pò del loro succo sullo strato di crema e poi ricoprire tutto con uno strato di frolla .

Infornare la crostata crema e amarene a 180° e cuocere per 40 minuti circa.

Sfornare la crostata con crema e amarene, lasciarla raffreddare quindi cospargerla con lo zucchero a velo.




Minestra di fave

 http://www.ricettedellanonna.net/wp-content/uploads/2011/04/minestra-di-fave.jpg




A primavera inoltrata inizia la stagione delle fave,  un legume ricco di proteine, fibre e vitamine. 
E' un legume poco calorico e si ricavano piatti gustosissimi e semplicissimi.


 
Ingredienti  per 4/6 persone :
 
1 e 1/2  kg, di fave
200       gr. di pasta formato piccolo (canellini o a piacere)
250       gr. di passaa di pomodoro
                  olio  evo. sale e pepe
 
Preparazione
Mettete a bollire dell’acqua con del sale in una pentola.
Mettete dell’olio in una pentola, aggiungete le fave sgranate e lasciate insaporire per un paio di minuti.
Aggiungete il pomodoro e lasciate insaporite altri due minuti.
A questo punto aggiungete la pasta e alcuni mestoli dell’acqua messa bollire.
Lasciate sul fuoco per il tempo necessario alla cottura della pasta avendo cura di aggiungere l’acqua qualora si rendesse necessario.
Spolverare con del pepe e servire.

Pasta alici e pecorino

 




La pasta con  con le alici è una ricetta classica della cucina mediterranea, che a differenza ddi quella con le sarde , ha un sapore più delicato., facile da preparare e veloce  e molto gustosa 
Provatela e' un piatto molto svelto  e  accompagnata da un bianco fresco fruttato sara' una simbiosi perfetta.
Buon appetito!

Ingredienti per 4 :

300  gr. di spaghetti
20         alici fresche
350  gr, di pomodorini pachino
1           manciata di pecorino  gratugiato
             aglio, olio e peperoncino
 

Procedimento
Aprite le alici e togliete la lisca centrale, quindi tagliatele in quattro parti, e mettetele da parte.
Mettere in un padellino aglio ,olio, peperoncino e i pomodorini tagliati a metà. Farli cuocere rapidamente, sfumarli con un goccio di vino e aggiungere le alici facendole cuocere pochi minuti.
Far bollire la pasta in abbondante acqua salata e scolarla un paio di minuti prima della cottura indicata e mantecare nella padella del condimento.
Utilizzare l’acqua della pasta, che avrete messo da parte per rendere la pasta più morbida.
Aggiungere due o tre cucchiai di pecorino e servire immediatamen





lunedì 18 marzo 2013

Branzino ai carciofi e porri croccanti

 





Ingredienti

4 piccoli branzini aperti a filetto, senza pelle
100 g di semola di grano duro
2 carciofi
2 porri
4 rametti di timo
olio
un limone
sale
pepe

Preparazione

Mischiate la semola con le foglioline di timo, un pizzico di sale e uno di pepe. Pulite i carciofi privandoli delle foglie più dure e tenendo solo i cuori; tagliateli a spicchi e tuffateli man mano in acqua acidulata con il succo del limone, così non anneriscono. Sgocciolateli, asciugateli bene e passateli nella miscela di semola. Pulite i porri, lasciando anche la parte verde più tenera, tagliateli prima a tronchetti e poi a listarelle non troppo sottili, quindi infarinateli come avete fatto con i carciofi.
Friggete in abbondante olio bollente i porri, scolateli e mettete i carciofi; sgocciolateli quando sono dorati e asciugate entrambi su carta da cucina. Impanate i filetti con la miscela rimasta e fateli dorare in poco olio. Salateli, pepateli e serviteli con le verdure fritte.

Cocktail di gamberi

 




Ingredienti :

400 gr. di gamberetti
1 ceppo di lattuga


Per la maionese :
1 uovo
olio
1 limone

prezzemolo
pomodoro



Preparazione :

Lessa i gamberetti, sgusciali e mettili in delle coppe di vetro dove avrai già messo alcune foglie di lattuga.
Fai la maionese sbattendo il tuorlo dell'uovo con il sale, 1 bicchiere d'olio, il succo di limone e un po' di prezzemolo tritato  oppure usa  quella gia' pronta.
Metti la maionese sul pesce e guarnisci con una fettina di pomodoro. Tieni in frigo fino al momento di servire.

giovedì 14 marzo 2013

Zuppa di verza e patate

 


Ancora non sta arrivando la primavera e pare che per tutto il mese di marzo ci sia incertezza e freddo
in arrivo ... le zuppe quindi sono proprio piatti appropriati  e vengono  ben  gustate .
Eccono una  che a me piace tanissimo e ve la propongo.

 Ingredienti per 4 persone

1/2 verza
1 patata a pasta gialla grande
1/4 di zucca rotonda a buccia verde
1 cipolla bianca, 1 carota, 1 costa di sedano,  
5 l di brodo vegetale,
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva,  
1 spicchio d'aglio, crostini di pane, sale e pepe

 

Preparazione "Zuppa di verza e patate"

Tagliate la cipola a fette sottilissime e stufatela in casseruola con l'olio insieme all'aglio in camicia.
Pelate e spuntate la carota e ricavate dalla zucca la polpa eliminando semi e scorza verde. 
Tagliate la zucca a dadini e la carota a rondelle.
Pelate la patata e affettatela; tagliate la costa di sedano a pezzetti. 
Versate le verdure in casseruola eliminando l'aglio e rosolate per qualche minuto, regolando di sale e pepe.
Bagnate con il brodo o con acqua calda e fate cuocere per 20 minuti.
Nel frattempo lavate e tagliate a julienne la verza e mettetela in casseruola con il resto delle verdure; coprite con coperchio e proseguite la cottura per altri 20 minuti circa.

Tostate il pane e utilizzatelo per accompagnare la zuppa servita ben calda.

lunedì 11 marzo 2013

Zuppa di legumi con orzo e farro

 


Siamo ancora nella stagione in cui sui gustano volentieri le zuppe o le minestre di legumi .. vi consiglio questa minestra o zuppa  perche' risulta molto piacevole e molto gustosa.
 


Ingredienti per 4 persone : 


100 g di fagioli  borlotti o cannellini  (a piacere)
70   g di piselli
2     piccole patate
100 g di orzo perlato ,
70 g di farro ,
una carota , una costa di sedano , cipolla , olio , sale , un pezzo di scorza di limone tagliata al vivo.

 Procedimento :

Per prima cosa calcoalre i tempi di ammollo e mettere i legumi e i cereali in ammollo alla  sera  per il mattino.
Mettere in una pentola abbastanza capiente la carota a rondelle , il sedano e la cipolla , aggiungere circa 2 litri di acqua e preparare il brodo vegetale , appena comincia a bollire versare dentro  i piselli e fagioli  , lasciare cuocere per 25 minuti ( non aggiungete sale)
Passati i primi 25 minuti di cottura versare il farro opportunamente lavato e sgocciolato , far riprendere il bollore e lasciare cuocere per 10 minuti Lavare l'orzo perlato e passati i dieci minuti unirlo al resto dei legumi e cereali ed aggiungere le patatine.
Lasciare cuocere il tutto a fuoco lento per 25 minuti Cinque minuti prima di spegnere la minestra  aggiustare di sale . Spegnete alla vostra preparazione , dividete nei piatti e condite con un filo di olio evo.
A discrezione dei gusti vi consiglio di mettere un pizzico di zenzero che potrebbe completare il buon gusto di questa zuppa.

domenica 10 marzo 2013

Verdure miste al forno

 





Ingredienti :

Peperoni
Melanzane
Cipolle
Zucchine
Pomodori
zucca
patate
Olio q.b.- sale  peperoncino  a piacere - oppure pepe
1 busta di erbe miste con peperoncino per spaghettata

Regolatevi nelle quantita' come desiderate...  se  volete farne una grande pirofila oppure piccola.

Procedimento:
Tagliare a fette non troppo sottili le verdure.
Prendere una teglia antiaderente o di pirex  versateci un po' d'olio evo e fare un primo strato di
pomodori,peperoni salare un po' e mettere un pizzico di misto erbe, poi uno strato di melanzane,cipolle salare un po' e mettere un'altro pizzico di misto erbe, finire con uno strato di patate  e di zuccaun po' di sale ed un pizzico di erbette miste e irrorare con olio evo per tutta la superfice.
Mettere in forno la teglia coperta di stagnola e far cuocere per circa 30 minuti a fuoco mnoderato circa 160/170° scoprire e far asciugare bene la verdura  ciurca ancora un'altra mezzora  sempre a 170°
Regolatevi voi col vostro forno  e guardate bene prima di spegnerlo che la verdura sia ben cotta ed asciutta .


Vellutata di zucca, patate e gamberetti

 



Questa vellutata e' una vera delizia del palato, piace a grandi e piccini ed e' un bel piatto caldo
che ristora  nei mesi freddi - tiepida e' ottima anche d'estate.


Ingredienti (x 4 ps.):

300 gr. di patate
500 gr. di polpa di zucca mantovana
30 gr. di burro
300 gr. di gamberetti già puliti (non scegliete quelli troppo piccoli)
1/2 scalognoprezzemolo fresco
olio evo/sale/pepe
 
 Procedimento
 
Tagliare la zucca e le patate a pezzi dopo averle pulite e lavate. 
Rosolare lo scalogno  tritato  nel burro per pochi minuti ed aggiungere le patate e la zucca, far insaporire per qualche minuto,  salare e aggiungere 750 gr. di acqua calda. 
Cuocere per 30' circa affinché le verdure non risulteranno ben cotte. 
Nel frattempo cuocere i gamberetti in un filo d'olio d'oliva aggiustandoli di sale. 
Frullare la zucca e le patate  nel mixer, aggiustare di sale e pepe. 
Se risultasse troppo densa aggiungere altra acqua calda. 
Versare la vellutata  nelle ciotoline, distribuite alcuni gamberetti, del prezzemolo fresco tritato e un filo d'olio evo. 
 
 
 
Ricette presa ma rielaborata dalla sotto scritta dalla rivista "più cucina".



 

martedì 5 marzo 2013

Insalata con gorgonzola, noci e pere

 




Un'insalatina  molto gustosa ed abbastanza raffinata, si presenta bene e solitamente e'  gradita dai commensali.

Ingredienti x 4 persone :

80  gr.  di Gorgonzola
80  gr.  di  Rucola
60  gr.  di  noci in gherigli
8          fette  di pan carre'
1          pera
6        cucchiaini  di aceto balsamico 
1          cucchiaino  di miele
           olio extravergine- sale q,b,


Procedimento:

Mettere in un cazzeruolina l'aceto col miele e farlo addensare per circa 5/6 min.
Assottiliate le fette di pancarre' con un batticarne o mattarello  e ponetele dentro ad uno stampino
di stagnola, mettetele in forno a 170° per circa 10 min o finche' le vedete un po' imbiondire.

Lavare bene la ruccola asciugarla metterla in una ciotola  e condirla con sale olio  evo.
Dopo averle ben lavate ,tagliate a dadini la pera con la sua buccia., tagliate anche a dadini il gorgonzola e spezzettate i gherigli di noci  ed infine unitele alla rucola  . A questo punto mettete nel composto l'aceto glassato.

Riempire i cestini ottenuti con il pancarre' e formelle  e serviteli.

L'effetto dell'insieme dei vari  gusti e' davvero fantastico inoltre e ben presentabile in tavola.




sabato 2 marzo 2013

Aceto troppo forte

Se vi accorgete che l'aceto dimenticato diventa troppo forte, immergete nella bottiglia due fettina di mela e lasciate macerare per tre giorni.
Poi filtratelo: sarà diventato più leggero.

Bescamella dietetica





Volete una besciamella più.......dietetica? :rolleyes:
Un accorgimento potrebbe essere questo: al posto del latte utilizzate del brodo vegetale o magari l'acqua dove avete fatto bollire delle verdure, che non sia però troppo salata.
Procedete come consuetudine alla preparazione della besciamella.

Dare la giusta consistenza a crochette e sformati







Un piccolo segreto perchè le crocchette e gli sformati non si disfino durante la cottura: è importante lessare le patate con la buccia.
In questo modo non assorbiranno troppa acqua e avranno una consistenza perfetta per i vostri piatti migliori. :23.gif:

Mele troppo aspre? Trattatele così!

Avete comprato delle mele che risultano piuttosto aspre? Non a tutti piacciono e piuttosto che buttarle via provate a servirle così...

Affettatele sottilmente e lasciatele asciugare al sole. Poi trasferitele in vasi con rum e miele.
Scommettiamo che chi di solito non le mangia, chiede il bis?

Erbe aromatiche sotto sale

Per conservare per l'inverno tutto il loro profumo, bisogna cogliere le erbe aromatiche quando sono al massimo. Il momento migliore per la raccolta è il pomeriggio perchè sono ben asciutte.
Si fanno essicare, si tritano, quindi si dispongono in un vaso di vetro, alternandole a strati di sale grosso.
Si termina con uno strato di sale,si chiude ermeticamente il vaso e lo si ripone in un luogo buio e asciutto.
E' un pout-pourri ottimo per insaporire arrosti e carni in generale.

Taglio facile per carne















Vi riesce difficile affettare un pezzo di carne cruda?

Lasciatela in freezer per mezz'oretta.

Metteteci un contaminuti se avete paura di dimenticarvela. Tagliatela: vedrete che sarà dura al punto giusto.

Cipolla amica...

Se avete problemi gastrici ma non volete privarvi di un piatto gustoso con la cipolla fate così: appassite le cipolle con pochissima acqua e vino bianco o acqua e un pizzico di dado e poi procedete col soffritto nell'olio.


Se volete eliminarne l'odore dalle mani lavatele con il sapone di Marsiglia; in alternativa io ho trovato anche ottimo il sistema di sfregarle con mezzo limone e lasciarlo agire per almeno mezzo minuto prima di sciacquarle.

Un consiglio ottimo per togliere l'acido della cipolla e renderla più dolce è lasciarla in ammollo in una terrina, ricoperta di latte, scolarla, sciacquarla e procedete poi con la ricetta prescelta.

Le bucce degli agrumi

Se vi capita di dover spremere degli agrumi come arance o limoni, abbiate cura di lavarli bene e, con un pelapatate, recuperarne la buccia.

Tritata insieme a dello zucchero, può essere conservata in barattolini di vetro ed usata al momento per aromatizzare dolci in cui si prevede la scorza di quell'agrume.

Oppure, per recuperare oltre alla scorza, anche all'olio essenziale intriso nella buccia, prendete una zolletta di zucchero e strofinate moderatamente la buccia dell'agrume: la zolletta rimarrà intrisa dell'olio del frutto. Avrete una cubetto di zucchero pieno di sapore che potrete poi sciogliere nell'impasto per il dolce.

Accelerare la lievitazione

 





Volete accellerare la lievitazione per la pizza?
Allora riponete l'impasto in un contenitore a chiusura ermetica e dopo una ventina di minuti la pasta sarà pronta per essere lavorata.

Infarinare agevolmente senza sporcare



Siete di corsa e dovete infarinare alimenti piccoli e numerosi, come pesciolini o uvetta sultanina?

Prendete un sacchetto, tipo quelli del pane, metteteli dentro con la farina e scuotete il tutto. Rovesciate poi gli alimenti in un colino o in un colapasta per eliminare la farina in eccesso.

Caramello perfetto

Per fare un buon caramello con lo zucchero semolato e perche' non si attacchi al tegame di cottura provate questo suggerimento; quando lo zucchero comincia a colorarsi mescolare con un cucchiaio di legno ed aggiungere qualche goccia di limone...

Cosi si otterra' un caramello denso senza che si attachi troppo al tegame ed al cucchiaio.

Macedonia...calda!

Volete stupire i vostri ospiti? Bene! Allora stupiteli con questa macedonia insolita e originale!

Disponete la frutta tagliata a pezzettini in barchette di pastafrolla o in piccole ciotoline e ricopritela con marmellata riscaldata e liquefatta!

Consigli per una buona frittata

 


FRITTATA SOFFICE -Non sbattere mai troppo le uova
Prima della cottura, basta sbattere le uova con una forchetta e mescolare quanto basta per amalgamare il bianco e il tuorlo, senza che diventino troppo omogenei, in questo modo rimarrà più soffice.

ANCORA PIU' SOFFICE !
Per ottenere una frittata soffice basta unire un albume montato a neve, incorporandolo delicatamente dal basso verso l'alto. Servitela subito però, per evitare che si sieda.


FRITTATA ALLE VERDURE
Se preparate una frittata alle verdure, incorporate la verdura cotta precedentemente (meglio se saltata in padella) alle uova sbattute fuori dal fuoco e poi versate tutto insieme nella padella.
La cottura

CUOCERE LA FRITTATA
Scaldate bene la padella, dal fondo pesante, prima di aggiungere olio o burro. Iniziate la cottura a fuoco medio, quindi abbassate, aggiungete le uova sbattute, e incidete la frittata in modo che la parte liquida scivoli sotto e si rapprenda. Durante la cottura scuotete spesso la padella per evitare che la frittata si attacchi al fondo spostandola anche lateralmente sul fuoco del fornello in modo che non si cuocia solo la parte centrale ma anche i bordi.

GIRARE LA FRITTATA
Quando la superficie è quasi rappresa, girate la frittata facendola scivolare su un coperchio grande come la padella o poco più e ribaltatela poi nuovamente nella padella.


O se volete diventare bravissime a fare le frittate potete seguire le indicazioni di questo post   http://lacuocagolosa.blogspot.it/2012/10/la-frittata.html

Qualche trucco per un buon arrosto




arrosto-di-vitello-ripieno-spinaci-e-frittata












Quando vi cimentate nella cottura di un arrosto ricordate di metterlo in una teglia bassa e non profonda perchè l'aria circola meglio intorno alla carne.
Inoltre, invece di appoggiare la carne sul fondo della teglia, adagiatela su un letto di carote e gambi di sedano. E per
evitare che la carne diventi troppo asciutta o si bruci, mettete accanto alla teglia, nel forno, un pentolino d'acqua.

venerdì 1 marzo 2013

Sugo ai fiori di zucca

 









Ormai i fiori di zucca si trovano tutto l'anno quindi e' un sugo che lo si puo' preparare ad ogni occasione che si desidera.
Molto gustoso e nellostesso tempo  delicato .. provatelo.


 per 4 persone.


INGREDIENTI.
- 12 fiori di zucca
- 5 cucchiai d'olio d'oliva
- 4 pomodori maturi
- 1 rametto di basilico
- 1 cipolla
- sale, pepe.


PREPARAZIONE.
- Levate il pistillo ai fiori di zucca e sciacquateli; asciugateli con cura e tagliateli a striscioline.
- Pelate i pomodori; privateli dei semi e tagliateli a filetti.
- Scaldate l'olio in un tegame e fatevi appassire la cipolla affettata finemente; unite il pomodoro e cuocete per una decina di minuti,
a fuoco molto basso.
- Trascorso questo tempo, condite il sugo con una presa di sale e un pizzico di pepe; poi aggiungete i fiori di zucca e proseguite la cottura per altri 10 minuti, versando, se occorre, qualche cucchiaio d'acqua calda.
- Qualche istante prima di spegnere la fiamma, profumate il sugo con le foglie di basilico spezzettate.

Pesto all'Ericina





Ho pensato di pubblicare questo sughetto veloce e tanto saporito provatelo con  taglioline
o spaghettini  e' delizioso.



per 4 persone.

INGREDIENTI.
- 4 spicchi d'aglio
- 8 pomodori maturi
- 100 g di mandorle pelate
- 1 mazzetto di basilico
- 1/2 bicchiere d'olio extravergine d'oliva
- sale, pepe.


PREPARAZIONE.

- Lavate e asciugate le foglie di basilico.
- Pelate i pomodori; privateli dei semi; poi, riduceteli a pezzetti.
- Mettete nel mortaio l'aglio, il basilico, le mandorle tostate e una presa di sale grosso e pestate fino a  ottenere un composto omogeneo.
A questo punto, unite i pomodori e continuate a pestare fino a che l'intingolo non abbia raggiunto la consistenza di una crema.
Trasferite l'amalgama in una ciotola e versatevi l'olio, a filo; emulsionate bene con un mestolo di legno e, infine, insaporite con una generosa spolverata di pepe.

Salsa al peperoncino

Oggi siamo piccanti!!!! Vi lascio la ricetta di questa salsa al peperoncino, ottima per accompagnare carne e pesce.

Ingredienti

1 peperone verde
1 peperone rosso
3 peperoncini jalapeni rossi  e verdi
1/2 tazza di aceto di sidro
1/2 tazza di aceto bianco
125 gr di zucchero
1 cucchiaio di zenzero grattuggiato
2 spicchi di aglio schiacciati
2 cucchiai di succo di limone
1/2 cucchiaino da tè di sale


Iniziate a pulire i peperoni e i peperoncini jalapeni, poi tagliateli e cuoceteli su una griglia sinchè la pelle non annerisce. Fateli raffreddare e poi puliteli bene dalla pelle bruciata e tagliatele la polpa a striscioline.
Mescolate in una pentola l'aceto di sidro, l'aceto di vino bianco e lo zucchero. Portate il tutto ad ebollizione, poi abbassate la fiamma e riducete il liquido a metà del suo volume iniziale, dopodichè aggiungete i peperoni a striscioline, lo zenzero grattuggiato, gli spicchi di aglio schiacciati e fate sobbollire altri 5 minuti.
Spegnete poi il fuoco e fate raffreddare il composto; appena sarà tiepido/freddo aggiungeteci i due cucchiai di succo di limone e il sale. Mescolate bene e travasate il tutto in un contenitore ermetico; si conserva benissimo in frigo per almeno un mese.