giovedì 11 ottobre 2012

CARAMELLE MOU

 
















Dopo essermi cimentata nella produzione di liquori (alla cannella ed alla liquirizia), avendo una bottiglietta di panna che da qualche giorno mi osservava sconsolata dal ripiano del frigo, mi sono voluto buttare nella produzione delle CARAMELLE MOU. Questa volta ho provato con il miele di tiglio ma penso che il millefiori sia più delicato e neutro.



Per una cinquantina di caramelle di vogliono 250 ml di panna, 250 gr. di zucchero, 30 gr. di burro e 60 di miele. Si mette il tutto in un pentolino e, rimestando continuamente ma senza produrre schizzi, si porta a bollore vivace fino alla temperatura di 120°-122° (se non avete il termometro da cucina prelevate con un cucchiaino una po' di composto e fatene cadere una goccia in una bacinella con acqua molto fredda, magari dopo avervi messo qualche cubetto di ghiaccio. 



Se la goccia diventa una pallina che rimane solida tra le dita, la cosidetta "media bolla", il mou è pronto). Colate il tutto in stampini per cioccolatini o in una teglia ricoperta di cartaforno ed aspettate un paio d'ore. 
 Se utilizzerete la teglia potrete "tagliare" le caramelle a cubetti con un coltello dalla lama liscia appena imburrato o unto. 
Si possono conservare (ammesso che si riesca a resistere) in una scatolina di latta tra strati di carta forno oppure incartandole una ad una con della carta da caramelle che troverete nelle cartarie fornite.

Nessun commento:

Posta un commento