lunedì 15 ottobre 2012

Timballo di riso e polpettine





Dosi per 6 persone: 


500 g. di riso – 
300 g. di carne di manzo tritata – 
100 g. di mortadella tritata – 
1 uovo e 1 tuorlo –
la mollica di 1 panino bagnata in 2 dita di latte e strizzata – 
130 g. di parmigiano reggiano grattugiato – 
1 ciuffetto di prezzemolo tritato – poca farina – 
500 g. di pomodori pelati –
1 cipolla – 
3 cucchiaiate di olio di oliva –
30 g. di burro –
1 presa di origano – 
abbondante olio per friggere - 
sale e pepe.


Ponete in una terrina la carne tritata, aggiungete la mortadella, l’uovo, il tuorlo, la mollica del panino sbriciolata, 30 grammi di parmigiano reggiano grattugiato, il prezzemolo tritato, quindi condite con una presa di sale e con un po’ di pepe macinato al momento e rimescolate con un cucchiaio di legno in modo che tutti gli ingredienti si amalgamino tra loro.
Formate ora tante piccole polpettine rotonde, passatele nella farina, poi fatele dorare in abbondante olio caldo.
Estraetele e depositatele su carta assorbente.
Tritate finemente la cipolla, fatela imbiondire nell’olio di oliva e nel burro, poi aggiungete i pelati schiacciati con la forchetta.
Condite con sale e pepe, aggiungete una generosa presa di origano e lasciate restringere il sugo per 25 minuti.
Fate ora cuocere il riso al dente in acqua salata in ebollizione, scolatelo, poi versatelo in una terrina.
Conditelo con il sugo di pomodoro preparato (tenetene da parte un mestolo) e con 60 g. di parmigiano reggiano grattugiato.
In una pirofila fate ora uno strato di riso, distribuite sopra un po’ di polpettine e un po’ di parmigiano reggiano grattugiato, quindi fate un altro strato simile al precedente e continuate così sino a esaurimento degli ingredienti, avendo cura di terminare con il riso. Ricopritelo infine con il rimanente sugo, spolverizzate ancora un po’ di parmigiano reggiano grattugiato e passate il recipiente in forno caldo a 180 °C fino a quando risulterà leggermente croccante in superficie.
Servite immediatamente in tavola.

Nessun commento:

Posta un commento