martedì 13 novembre 2012

Crostata di pesche e frullato di banane





Per la pasta frolla:
- 500 g farina 00 (anche se io uso l'integrale, resta un pochino più friabile ma và benissimo, ed è meno glicemica, per cui adatta ai regimi dietetici);
- 400 g di burro (mentre io uso l'olio, che non sia troppo "saporito", va bene anche l'olio di mais biologico);
- 200 g di zucchero a velo (fruttosio, o malto d'orzo, le valide alternative dolcificanti naturali)
- 4 tuorli d’uovo.

Per la farcitura della crostata:
- 500 g pesche;
- 150 g zucchero (idem come sopra, e riducete pure le dosi: se la frutta è sana e matura, è naturalmente dolce);
- 1 uovo e 2 tuorli.

Per il frullato:
- 1 banana matura al punto giusto;
- 500 g latte (va bene anche il latte di soja o cereali);
- la buccia di 1 limone.

Mescolare gli ingredienti della pasta frolla, avvolgere in pellicola da cucina e lasciare riposare per 3 ore. Stenderla con un mattarello e adagiarla in una placca rotonda da forno del diametro di 24 cm. Se in silicone bene, altrimenti imburratela e infarinatela.
Cuocerla 10 minuti in forno a 180°, mettendoci sopra uno strato di carta da forno e un pò di fagioli per mantenerne la forma.
In una padella cucinare la pesca a cubetti priva della buccia con lo zucchero (io al posto dello zucchero uso succo di mele o d'uva per cuocere la frutta, mezzo bicchiere basta), a fiamma molto bassa per circa 30 minuti, e lasciare raffreddare. Montare con una frusta o col robot 1 uovo, 2 tuorli e 30 g di zucchero, unire al composto di pesche e farcire il disco di frolla e cucinare per 25 minuti a 180°. Frullare la banana col latte e una grattugiata di buccia di limone. Tagliare delicatamente uno spicchio di crostata e versare in un bicchierino il frullato (uno per ogni commensale).

Nessun commento:

Posta un commento