domenica 7 luglio 2013

Brinare

Oggi posto un termine che potrebbe essere utile a chi ancora non si è imbattuta in una ricetta che lo prevede (e mando anche un 'grazie' a Fragolina che con il suo messaggio mi ha ricordato di postarlo) e si tratta del termine 'brinare'.
L'effetto brinato è principalmente usato sui prodotti alimentari ma anche sui fiori e si ottiene passando il prodotto, prima accuratamente lavato e lasciato asciugare bene (passaggio molto importante per la buona riuscita dell'operazione) nell'albume dell'uovo sbattuto bene, facendo attenzione però a non montarlo; non appena iniziano a diventare spumosi smettete di sbatterli. Aiutandovi con un pennello ricoprite il prodotto scelto con l'albume e mettetelo ad asciugare sopra ad un ripiano rivestito con carta da forno. Fatti passare una ventina di minuti spolverizzate con lo zucchero semolato e fate asciugare bene.
Molti per accorciare i tempi passano il tutto nel freezer; in ogni caso l'effetto brina è assicurato.

Se vi capita di leggere 'brinate un calice/bicchiere' sappiate che è ancora più facile ottenerne l'effetto: vi basta immergere il bordo del calice in succo di limone e poi reimmergere il bordo nello zucchero semolato. Semplice no! Potete anche sbizzarrirvi con la fantasia utilizzando al posto dello zucchero, granella di amaretti, mandorle o nocciole, oppure zucchero colorato o le decorazioni per le torte...

1 commento: